Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per scopi statistici in forma anonima.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca QUI.
Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
OK

Pero

albicocco   |   fico   |   fragola   |   melone   |   pero   |   pesco

L'impiantoChiudi

Come il melo, anche il pero ama l’ambiente montano e collinare con clima fresco ma se, innestato su franco (il portainnesto che deriva da seme) resiste bene anche su terreni siccitosi, poveri di sostanza organica e ricchi di calcare. I peri hanno la tipica radice a fittone, e una splendida fioritura bianca con fiore a 5 petali. Le distanze (se le piante sono innestate su franco) possono indicativamente essere 4-5 mt sulla fila e 5-6 tra le file, se innestate su cotogno (ma ricordatevi che non tollerano il calcare!) possono essere a 2,5-3 mt; sui terreni freschi suggeriamo di mantenere l’inerbimento controllato del filare.

La coltivazioneChiudi

Il pero è un fruttifero che tende sempre ad assumere forma piramidale, difficilmente modificabile anche con le potature: si svilupperà quindi prevalentemente verso l’alto (tendenza “assurgente”), e questo aspetto asseconda le forme di allevamento a piramide o a fuso libero; in potatura cureremo una buona aereazione delle parti e l’esposizione di foglie e frutti alla luce solare, ben attenti poi a eliminare eventuali succhioni durante l’estate.

La raccoltaChiudi

Prima della raccolta dobbiamo eseguire un’operazione altrettanto importante: nel corso dell’estate, infatti, è meglio verificare se vi sono frutti bacati, fortemente ticchiolati o con difetti tali da compromettere una maturazione ottimale. La pera è un frutto che deve essere raccolto ancora ben compatto, per fare poi proseguire la maturazione: stiamo quindi attenti a raccoglierlo delicatamente, piegando il picciolo alla sua inserzione con il ramo.


Un segreto

Un piccolo trattamento pre-raccolta a base di propoli (30 gr/10 lt) aumenta la resistenza dei frutti e la loro serbevolezza dopo che sono stati staccati dalla pianta.






Facebook
Twitter
Instagram
YouTube
Pinterest