Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per scopi statistici in forma anonima.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca QUI.
Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
OK

05/12/2013

Se ti dico cibo a cosa pensi?


Un secondo, straordinario ricordo è l’incanto, difficilmente eguagliabile, della pasta condita con la “colatura di alici”; è un liquido color ambra che le alici rilasciano dopo uno speciale processo di maturazione in botti di castagno: sono collocate in strati e separate da dischi in legno, sui quali vengono posti dei pesi. Grazie alla pressione il liquido affiora, per poi essere raccolto e messo in vasetti di vetro, pronto al consumo. È un condimento semplice che porta con sé la tradizione dei pescatori di Cetara, il luogo dove l’ho assaggiato; mi ricorda come la cultura gastronomi-ca italiana sia spesso frutto dell’inventiva di per so ne povere ma sagge, capaci di trasformare anche l’acqua del l’acciuga in una pozione magica e buonissima.

Da "Grom. Storia di un'amicizia,qualche gelato e molti fiori"

Se ti dico cibo, a cosa pensi? Guido risponde alle domande di Love For Food, un piccolo viaggio attraverso idee e punti di vista di chi ha fatto del cibo il proprio mestiere per scoprire quale sia il suo significato oggi. 

Qui il video: http://www.lovefor.it/it/lovefor-what-does-food-mean-today/guido-martinetti.php

A cura di Dogtrot. 

 








Facebook
Twitter
Instagram
YouTube
Pinterest