Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per scopi statistici in forma anonima.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca QUI.
Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
OK

11/06/2015

Gelso Blues


In questi giorni stanno maturando i frutti dei nostri due gelsi e abbiamo deciso di cogliere l’occasione per presentarveli. L’albero di gelso, il Morus celsus, letteralmente il moro “alto” , appartiene al genere delle Moracee (Morus) e due sono le sue specie che danno frutti commestibili: il gelso bianco (Morus alba), originario della Cina, e il gelso nero (Morus nigra), originario dell’Armenia e della Persia.

Il primo nel corso dei secoli è stato intensamente coltivato per assicurare goloso nutrimento ai suoi massimi estimatori, i… bachi da seta, mentre il secondo viene coltivato principalmente per i suoi frutti, i gelsi neri, utilizzati in molte preparazioni tipiche, una fra tutte la tradizionale granita siciliana.

Dalla seconda guerra mondiale, complici i grandi cambiamenti a livello sociale e la diffusione delle fibre sintetiche, l’allevamento dei bachi da seta è andato via via scomparendo in Europa e con esso la gelsicoltura. Anche se non si tratta di una coltura autoctona, i due gelsi (uno bianco e uno nero) sono simbolo del nostro impegno a preservare la biodiversità e le colture ingiustamente trascurate.

Vi invitiamo a venire a fare la loro conoscenza dal vivo e ad assaggiarne i dolcissimi frutti! 








Facebook
Twitter
Instagram
YouTube
Pinterest