Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per scopi statistici in forma anonima.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca QUI.
Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
OK

Pesca Maria Marta



Portainnesto
GF 677, pesco per mandorlo, innesto a gemma dormiente su astoni di 1 anno
Sistema di allevamento
a vaso
Distanze di impianto
piante distanti 4 metri sulla fila,
5 metri tra le file
Potatura e diradamento
manuale con diradamento dei frutti poco dopo l'allegagione
Irrigazione
assente
Frutto
pesca a pasta gialla dalla pezzatura media, forma rotonda con la buccia gialla sovracolorata di rosso vivio sul 70% della superficie a maturità; pigmentazione rossa vicino al nocciolo
Epoca di maturazione
terza decade di luglio
Mappali
Comune di Montegrosso Foglio 17
particelle 121p , 188p, 217, 218, 227, 357

La Maria Marta (l’origine è italiana, ottenuta dal prof. Bellini mediante autofecondazione di Glohaven) è una pesca piuttosto rustica, adatta alla produzione biologica.

Grazie ad un attento diradamento dei frutti, che avviene poco dopo l’allegagione (ed elimina il 50% dei frutti presenti sull’albero per favorire la perfetta maturazione dei rimanenti), e alla dotazione di calcare dei nostri terreni, si mostra soda e compatta, dalla buona acidità e dal lieve aroma "moscato".






Facebook
Twitter
Instagram
YouTube
Pinterest